Impara le Arti Ninja,Uccidi ki ti pare,Vai alla ricerca di infiniti tesori e infine Divertiti in questo Forum di Anime e Manga
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 SCHEDA:Gaara

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Naruto Uzumaki

avatar

Messaggi : 89
Data d'iscrizione : 25.03.09
Età : 25
Località : Taranto

MessaggioTitolo: SCHEDA:Gaara   Ven Mar 27, 2009 8:43 pm



Gaara è un personaggio della serie anime e manga Naruto, scritto e disegnato dal mangaka Masashi Kishimoto, ed è il Quinto Kazekage del Villaggio della Sabbia, nonché la Forza Portante della Reliquia della sabbia, Shukaku. La sua sabbia lo protegge sempre, fornendogli una Difesa Assoluta mentre l'ideogramma che porta sulla fronte significa "Amore". Nell'annuale Shonen Jump polls per i personaggi di fumetti preferiti, Gaara di solito figura nella top ten, fra il settimo e il decimo posto.

Il suo nome deriva probabilmente da Saara che è il nome di un famoso deserto che spiegherebbe le tecniche che Gaara usa.


Gaara è il figlio del Quarto Kazekage ed il fratello minore di Temari e Kankuro. Alla sua nascita gli fu sigillato nel corpo il Tasso Demoniaco Shukaku per ordine del padre. Fu possibile grazie ad un Jutsu operato da una delle anziane del Villaggio della Sabbia, la marionettista Chiyo. Poiché era necessario un sacrificio, la madre di Gaara, Karura, venne scelta. Prima di morire, Karura maledisse il villaggio e suo figlio appena nato, sperando però che un giorno l'avrebbe vendicata, e chiese alla sabbia di proteggerlo. Questo spiegherebbe perché nella seconda serie, pur non avendo più lo Shukaku dentro di sé, la sabbia continui ad obbedirgli lo stesso.

Il motivo per cui il padre di Gaara gli inflisse quel triste destino era dovuto al fatto che il Daimyo di quel territorio stava pian piano indebolendo il villaggio, minimizzando la sua capacità di difendersi. Addirittura il signore feudale aveva cominciato ad offrire lavoro a diversi villaggi ninja, anziché al suo, quello della Sabbia. Vedendo cosa stava succedendo al suo villaggio, il quarto Kazekage si rese conto che i loro ninja avrebbero dovuto essere di un livello assai superiore. Gaara sarebbe stato quindi la loro arma segreta.

L'intero villaggio odiava il bimbo e temeva il grande potere rinchiuso nel suo corpo; il padre del ragazzo, ancora prima di rendersi conto di quanto poteva essere utile, lo voleva morto e, per questo motivo, aveva cercato più volte di assassinarlo. Come risultato, Gaara era diventato un ragazzo chiuso in se stesso, silenzioso e consumato da un odio profondo verso tutti. Aveva iniziato a provare piacere nell'annientare i diversi sicari mandatigli contro dal padre; alla lunga, uccidere chiunque minacciasse la sua esistenza era divenuta la sua ragione di vita. La sua insonnia, causata dal fatto che lo Shukaku divorava la sua personalità approfittando delle poche difese durante la fase di sonno, aveva reso Gaara ancor più instabile.

L'infanzia di Gaara fu piuttosto simile a quella di Naruto, forse addirittura più triste data la totale mancanza di un amico. Entrambi erano soli ed avevano un forte desiderio di risultare simpatici, amati, riconosciuti come individui. Mentre Naruto giunse alla conclusione che scherzare e rendersi ridicolo lo avrebbe portato al centro dell'attenzione che desiderava, Gaara si convinse che poteva conservare e confermare la sua esistenza uccidendo chiunque la minacciasse e, come sua caratteristica principale, si nota una forma di esistenzialismo. In mancanza dell'approvazione altrui, poteva dare valore alla sua vita soltanto non considerando importante quella altrui. Naruto ebbe, in seguito, l'amicizia di Iruka e della squadra 7 guidata da Kakashi mentre Gaara non ebbe mai nessuno e non poté comprendere il concetto di combattere per una persona cara.

In entrambi i casi, i due bimbi tentarono di conquistare i loro coetanei mantenendo un atteggiamento positivo, allegro ed amichevole. In un'occasione, Gaara utilizzò i suoi poteri per recuperare il pallone di un gruppo di bambini che stavano giocando nei suoi paraggi ma loro fuggirono quando lo videro. Non volendo restare solo, Gaara li supplicò di aspettare e la sua sabbia, interpretandolo come un ordine, li bloccò. Infuriatosi alle grida di aiuto dei bambini, Gaara quasi ne uccise alcuni, fermandosi solo quando intervenne l'adorato zio e suo unico amico, Yashamaru. Più tardi, Gaara decise di farsi perdonare e corse a portare una medicina alla bambina che aveva ferito più gravemente ma lei, dopo aver visto chi era alla porta, gliela sbatté in faccia, chiamandolo 'mostro' e lasciandolo con il viso stravolto dal dolore.

Gaara venne addestrato dal padre ma educato per lo più dallo zio, Yashamaru. Essendo l'ospite della Reliquia della sabbia, Gaara aveva un controllo della sabbia quasi istintivo. Per di più, era la sabbia a proteggerlo, rendendolo quasi impossibile da toccare. Per sei anni, l'intero villaggio temette il bambino, fatta esclusione per Yashamaru che raccontava spesso al nipote di quanto Karura lo avesse amato e voluto proteggere; secondo Yashamaru, era per il forte amore della madre che la sabbia proteggeva sempre Gaara. Per un periodo di tempo, sembrò che Yashamaru fosse l'unica persona a cui importasse del piccolo Gaara (similitudini sono riscontrabili col rapporto tra Naruto e Iruka, anche se il loro avrà molto più successo). Gli sforzi di Gaara per essere accettato risultarono tutti disastrosi, portando il padre a tramare contro di lui. Gaara era divenuto, agli occhi del Kazekage, un esperimento fallito ed un pericolo troppo grande per gli altri abitanti del villaggio. Così, il Kazekage ordinò a Yashamaru di uccidere il bambino. La sabbia lo protesse dagli attachi, e Gaara controbatté e ferì il sicario mortalmente prima di scoprire che si trattava dello zio.

Sconvolto dall'accaduto, Gaara scoppiò in lacrime e corse accanto allo zio, chiedendogli perché avesse tentato di ucciderlo. Yashamaru rivelò così al nipote dell'ordine del Kazekage. Gaara, sebbene assai turbato, si sforzò di sorridere ed in un sussurro suggerì allo zio che la motivazione era solo quella, si trattava di un ordine che andava eseguito. Rimase scioccato quando Yashamaru emise un flebile dissenso. Infatti, nonostante avesse cercato di amare Gaara, lo aveva sempre odiato perché aveva strappato la vita della sua amata sorella, Karura. Rivela anche l'origine del suo nome: "un Asura (demone della mitologia indiana) che ama solo se stesso. Prima di morire, si aprì la giacca rivelando degli esplosivi e le sue ultime parole furono: "Ti prego, muori". Gaara però sopravvisse ancora una volta protetto da uno scudo di sabbia.

Stando a Yashamaru, Karura aveva maledetto il Villaggio della Sabbia per l'aver usato lei e il suo piccolo bambino come, rispettivamente, sacrificio e arma, ma aveva in aggiunta maledetto anche Gaara per il dolore che le inflisse. Dopo essersi reso conto che nessuno lo aveva mai amato, né la madre, né lo zio, Gaara utilizzo la sua sabbia per imprimersi sulla fronte un kanji, "Amore" per ricordarsi sempre che lui era "un Asura che ama solo se stesso". Questa fu l'unica occasione in cui la sabbia non lo protesse dal ferirsi, e probabilmente la prima volta che sanguinò. Per i seguenti sei anni, Gaara rimase l'obiettivo di molti sicari mandato dal Kazekage ma riuscì a salvarsi ogni volta.

Partecipa poi all'Esame della selezione dei Chunin.
Già nella prima prova dimostra la sua abilità, creando un occhio con la sabbia dal quale può copiare ciò che scrivono gli altri studenti. Nella seconda prova, Gaara da segno dalla sua malvagità uccidendo senza pietà un ninja con la sua tecnica Bara di Sabbia. Lui ed il suo gruppo sono i primi a fuggire dalla foresta della morte,misteriosamente senza ferite (in realtà,questo è dovuto all'abilità della sabbia di Gaara). Nelle eliminatorie, Gaara sconfigge Rock Lee travolgendolo con uno Tsunami di Sabbia, spezzandogli un braccio e una gamba. Cercò anche di ucciderlo ma venne fermato dal maestro del giovane ninja. Gaara poi spiega a Naruto il perché del gesto: perché è questo il suo obiettivo nella vita, uccidere gli altri, in quanto solo in questo modo egli avrebbe potuto sentirsi "vivo".

Nella prova finale, Gaara affronta Sasuke Uchiha, ma sul finire dello scontro, si altera e distrugge l'arena. Approfittando del momento, Orochimaru rapisce il Terzo Hokage e manda tutti i suoi ninja per devastare Konoha. Gaara sviene e viene portato nel bosco da Temari e Kankuro. Sasuke lo insegue, ma è costretto a fermarsi per affrontare Temari. Intanto, Gaara si risveglia ed è costretto ad affrontare Naruto. Gaara si trasforma in Mezzo-Shukaku, ma, vedendo la grande abilità di Naruto, si trasforma completamente nella Reliquia della sabbia. Naruto è costretto quindi ad evocare Gamabunta per affrontarlo. Quando Gaara torna normale, Naruto lo affronta utilizzando il Chakra della Volpe a Nove Code, come contro Neji, riuscendo infine a vincere abbattendolo con una testata. Gaara capisce quindi i suoi sbagli, capisce che la vera forza è nell'amicizia, e quindi si pente e fugge da Konoha con Temari e Kankuro.

Chiamato da Tsunade per fermare il quartetto del suono a Konoha, Gaara si scontra con Kimimaro per salvare Rock Lee. Parte dunque uno scontro molto duro, che vede Gaara vincitore. Kimimaro, infatti, muore non solo per la sua malattia ma anche per la fatica del combattimento e per aver consumato tutto il suo Chakra


TRA PRIMA E SECONDA SERIE

Tra la prima e la seconda serie animata nei filler si scopre che Gaara ha un' allieva di nome Matsuri, che avendo l'elemento vento affine al suo Chakra riesce a controllare le sabbie come il suo maestro. È l'unica persona divenuta allieva di Gaara per rispetto invece che per timore; in queste circostanze scopriamo che Gaara sa essere anche un maestro molto saggio, dato che come Naruto ha passato parecchie esperienze dolorose, Matsuri verrà rapita da quattro artigiani che vogliono ottenere lo Shukaku, e per farlo vogliono attirare in trappola Gaara, durante la battaglia con il quartetto ninja della sabbia verranno aiutati dagli alleati della foglia, e Gaara perderà di nuovo il controllo di sé trasformando metà del suo corpo nel demone, tuttavia riuscirà a riprendersi, nonostante Matsuri abbia avuto modo di vedere il mostro dentro Gaara decide comunque di rimanere sua allieva, anche grazie alle parole di Naruto.

NEI PANNI DI KAZEKAGE

Nella seconda serie Gaara è divenuto il Quinto Kazekage, nonostante non si sappia nulla di ciò che ha fatto per il villaggio in questo ruolo, si presume sia stato un ottimo capovillaggio (anche se gli anziani del villaggio lo hanno eletto solo per tenterlo d'occhio, infatti, una volta catturato dall' Alba, essi pensano subito ad un nuovo Kazekage) tanto che la sua gente era proccupata per lui durante il suo combattimento con Deidara e successivamente, dopo il rapimento, giunge a mandare una folla di ninja di vari gradi in suo soccorso, anche se sarà inutile, visto che arriveranno a vicenda conclusa. Oltre che con il villaggio che ora si è affezionato a lui e lo ammira molto (ad eccezione degli anziani) Gaara ha migliorato anche i rapporti con i fratelli Kankuro e Temari, che ora invece di odiarlo e temerlo come fosse un'arma, condividono con lui un vero rapporto familiare. Gaara, in queste vesti, ha sul viso quasi sempre dipinta un'espressione dolce e serena. Il combattimento con Deidara è durissimo e sembra che nessuno dei due superi l'altro,dopo aver perso un braccio grazie all'abilità di Gaara,il nukenin della roccia,grazie alla sua astuzia minaccia di distruggere il villaggio con il suo C3,una bomba gigantesca che avrebbe annientato il villaggio che Gaara adesso ama tanto.Gaara,dopo aver usato parte del suo chakra per creare un gigantesco scudo di sabbia, è costretto a usare la sabbia in cui Deidara aveva inserito dei tarli esplosivi se non aveva consumato tutto il chakra per proteggere il suo villaggio avrebbe ucciso sicuramente Deidara infatti gia gli aveva spappolato l'altro braccio.Dopo l'esplosione, Gaara,ancora sveglio utilizza il poco chakra rimasto per spostare lo scudo di sabbia, invece di finire Deidara ormai allo stremo, per impedire che lo scudo travolgesse il villaggio.Catturato,Gaara morirà a causa dell'estrazione del demone Shukaku dal suo corpo, che Naruto e i suoi non fanno in tempo ad impedire; sarà la vecchia Chiyo, la nonna di Sasori, che un tempo aveva sigillato il demone in lui, a resuscitarlo sacrificando la sua vita e pagando così il debito che sentiva di avere nei confronti di Gaara per averlo condannato ad anni di sofferenze. Dopo l'estrazione del demone che Gaara ospitava, esso mantiene tuttavia il controllo sulla sabbia grazie al volere della madre defunta. Un'altra anomalia è data dai contorni neri degli occhi.Essi sono causati dalla mancanza di sonno a cui Gaara è costretto dal demone dentro di lui. l'estrazione, essi rimangono, forse perché Gaara continua a dormire poco a causa dell'abitudine. Dopo la saga dell'estrazione del demone non si sa più nulla di lui.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
SCHEDA:Gaara
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il Mondo Degli Anime & Manga :: Naruto-
Vai verso: